Consigli su word e antiplagio per la tesi

Aggiornamento: 14 ott 2021

In questo articolo parleremo dello stile da adottare per scrivere un buon elaborato, di come utilizzare correttamente Microsoft Word e come ottenere un certificato antiplagio. Ecco quindi alcuni consigli per scrivere una tesi da 110 e lode!


Lo stile

  1. Usa un linguaggio formale e non usare la prima persona singolare, è sempre meglio utilizzare una forma impersonale o la prima persona plurale.

  2. L'elaborato dovrà contenere sempre: frontespizio, abstract, indice, introduzione, capitoli della tesi, conclusioni, bibliografia e sitografia.

  3. Attento alla differenza tra abstract e introduzione: il primo è un breve riassunto dell’elaborato, contenente l‘obiettivo della tesi; mentre il secondo fa riferimento alla parte preliminare di scrittura e alla sintesi del contenuto di ogni capitolo.

  4. Evita di scrivere paragrafi con meno di cinque righe.

  5. Non scrivere frasi esageratamente corte.

  6. Utilizza le norme APA per la stesura della bibliografia.

  7. Non usare mai colori oppure stili come il grassetto e il sottolineato per il corpo dell'elaborato.

La struttura: come utilizzare in modo intelligente Microsoft Word per rendere la stesura del tuo elaborato più facile e veloce

  1. L’indice è una delle prime cose da inserire nella tua tesi; scrivi il numero dei capitoli e le pagine corrispondenti, proprio come se fosse un libro.

  2. Imposta sempre un rientro per la prima riga di un paragrafo.

  3. Le note a pie di pagina sono fondamentali! Servono per far capire al lettore da dove provengono le informazioni che hai scritto.

  4. Attento alla spaziatura tra paragrafi, è sempre bene inserirla.

  5. Inizia il capitolo nuovo sempre sulla pagina destra. A questo proposito, quando devi cambiare pagina non usare la barra spaziatrice, bensì utilizza l'interruzione di pagina.

  6. La numerazione delle pagine comincia dall’introduzione. Inoltre è anche possibile avviare la numerazione delle pagine in un punto successivo del documento.

  7. Inserisci sempre le fonti delle informazioni che inserisci nel tuo elaborato. A tale proposito, Word ha da poco introdotto una nuova opzione per citare le fonti in modo più pratico e veloce.

  8. Non inserire mai doppi spazi all'interno del tuo elaborato. Se dovesse capitare utilizza lo strumento "trova" e sostituisci il doppio spazio con uno singolo. Per vedere come fare clicca qui.

  9. Infine, è possibile eliminare o disattivare i collegamenti ipertestuali in modo che non si veda la sottolineatura.

Piccole tip:

- Se vuoi unire più documenti Word in un unico documento non utilizzare il solito "copia e incolla", utilizza l'opzione "aggiungi pagina".

- Word impedisce che l'ultima riga di un paragrafo venga visualizzata nella parte superiore o inferiore di una pagina grazie al controllo delle righe isolate e orfane.


Cosa fare se non possiedi Microsoft Word

Se non possiedi Microsoft Word puoi facilmente acquistarlo, se vuoi fallo da questo link. Se invece vuoi utilizzare un'applicazione gratuita, delle ottime alternative potrebbero essere WPS o Libre Office. Ti lasciamo, anche in questo caso, il link di riferimento.


La certificazione antiplagio

Una volta ultimata la tesi è obbligatorio certificare che il tuo elaborato non sia stato copiato da un'altra fonte. Entrano in gioco quindi delle piattaforme apposite che permettono di visionare il tuo lavoro e verificare che non ci sia plagio. Una volta effettuato questo controllo si riceverà un vero e proprio "certificato antiplagio". Uno dei siti consigliati è TesiVerified.

Di solito queste piattaforme sono a pagamento, però sicuramente è possibile consultare dei siti gratuiti nella fase di prima stesura della tesi. Alcuni dei siti gratuiti consigliati sono Noplagio.it o Plagiarism detector. Ottenuta la certificazione antiplagio, questa verrà consegnata una volta terminata la prova finale.

91 visualizzazioni